3) Cosa sono dove si trovano e a cosa servono i protidi?

I protidi (o proteine) svolgono importanti funzioni nel corpo umano: costituiscono tutti i tessuti (muscoli per primi, ma anche pelle, capelli, unghie, ecc…); partecipano alla formazione di ormoni, enzimi e altre particelle indispensabili alla vita, quali i geni , anticorpi, e possono anche essere utilizzati per fornire energia nelle circostanze in cui l’apporto dei nutrienti che normalmente la forniscono è insufficiente a soddisfare il fabbisogno energetico dell’organismo. Sono formate da catene di aminoacidi, e il nostro corpo ricava dalle proteine del cibo gli aminoacidi di cui di volta in volta ha bisogno. E’ importante, quindi, che la nostra alimentazione preveda una certa dose di proteine, utili anche a sentirci sazi più facilmente. Se sono troppe, però, possiamo andare incontro a problemi di salute.

Le proteine sono presenti in cibi di origine animale ed in cibi di origine vegetale: le proteine animali vengono introdotte specialmente con il pesce, la carne, l’uovo, il latte ed i formaggi, le proteine vegetali vengono introdotte specialmente con i legumi secchi e freschi (fagioli, fave, ceci, lenticchie, piselli, soia). Le fonti proteiche preferibili sono, in linea di massima, gli alimenti che contengono buone quantità di protidi pregiati e non troppi grassi, ad esempio le carni rosse contengono mediamente il 18-20% di proteine, meno dei formaggi, ma nei formaggi vi sono più o meno elevate quantità di grassi. Le proteine vegetali sono meno pregiate delle proteine animali, in quanto sono meno ricche di aminoacidi essenziali, ma con opportune associazioni si può realizzare una integrazione proteica in cui sono compensati certi deficit. L’organismo non ha che scarsissime possibilità di accumulare i protidi, ed essendo continuo, importante e non limitabile il consumo di essi è indispensabile che il rifornimento con l’alimentazione sia continuativo e sufficiente a fornire in adeguate quantità gli aminoacidi essenziali.

Il fabbisogno di proteine aumenta durante l’accrescimento,la gravidanza, l’allattamento e l’allenamento sportivo, ad esempio dal fabbisogno di circa 1 grammo per Kg di peso di un sedentario si passa al fabbisogno di 1,2 g/kg dello sportivo. Nell’adulto sano le calorie fornite dalle proteine devono costituire il 10-15% del fabbisogno calorico totale ed è consigliabile che almeno metà delle proteine assunte con i gli alimenti sia di natura animale.

La prolungata insufficienza dell’apporto di proteine ha gravi conseguenze, specialmente durante l’accrescimento e la gravidanza, ed aumenta la suscettibilità alle infezioni. Sono a rischio di carenza proteica i soggetti con aumentato fabbisogno (accrescimento, gravidanza, allattamento, sport, ustioni, ecc.), i vegetariani, i soggetti che praticano rigide e squilibrate diete dimagranti, gli anoressici, gli ammalati di malattie croniche, ecc. Oltre ad intervenire sulle cause, si provvede all’integrazione con alimenti ricchi proteine e con i supplementi di proteine e di aminoacidi, e nei casi più gravi con l’alimentazione artificiale. Un’eccessiva assunzione di proteine può essere dannosa.

Se, invece, assumiamo troppe proteine (come accade nelle diete iperproteiche, ideate per gli atleti o per dimagrire), quelle in eccesso vengono trasformate in depositi di grasso e le scorie di questa trasformazione diventano urea, acido urico e ammoniaca, che affatica e può danneggiare fegato e reni. E’, dunque, importante che la quantità di proteine sia adeguata alle nostre necessità (circa 1-1,5 grammi per Kg di peso corporeo).

2 pensieri su “3) Cosa sono dove si trovano e a cosa servono i protidi?

  1. Woah! I’m really loving the template/theme of this site. It’s simple, yet effective. A lot of times it’s very hard to get that “perfect balance” between user friendliness and appearance. I must say you have done a amazing job with this. In addition, the blog loads super quick for me on Firefox. Exceptional Blog!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>