Legame tra “grasso” e patologia

Continuamente viene ribadita l’importanza di una corretta alimentazione e contemporaneamente la pericolosità di patologie come obesità e sovrappeso, condizioni che espongono ad una serie di rischi spesso gravi per la salute come le malattie cardiovascolari, il diabete, il colesterolo alto ed un aumentato rischio di mortalità per problematiche di vario genere. E da oggi alla lunga lista di patologie in cui si incorre con uno stato di obesità o sovrappeso si aggiunge per le donne un’altra temutissima malattia, il cancro al seno.Recenti ricerche hanno portano ad ipotizzare lo stretto legame tra obesità e cancro al seno. Secondo i ricercatori dell’Institut National de la santé et de la recherche médicale (INSERM) in Francia, l’obesità incentiverebbe non solo la comparsa ma anche il diffondersi del cancro al seno. Gli studiosi dell’Institut National francese hanno portato avanti lo studio, sulla possibile correlazione tra obesità e cancro al seno, in collaborazione con i ricercatori dell’Université Paul Sabatier e il Centre National de la Recherche Scientifique (CNRS), scoprendo che le cellule adipose (adipociti) trovano una facile collocazione nelle cellule tumorali che provocano il cancro al seno. Pare infatti che gli adipociti riescano a trasformare le cellule cancerose facendole divenire più aggressive e quindi assai più pericolose. Alcuni studi sul legame tra obesità e cancro al seno erano già stati fatti qualche anno fa, ma non avevano mostrato dati certi come invece è accaduto con quest’ultimo studio, che ha puntato tutto sulle responsabilità degli adipociti nella comparsa e diffusione del cancro al seno in donne affette da obesità.

Una buona parte esterna del seno è composta dal tessuto adiposo, il quale a sua volta si caratterizza per un certo numero di cellule adipose (adipociti). Gli adipociti hanno la capacità di immagazzinare e rilasciare grassi nonché di secernere alcune  proteine. Così i ricercatori, partendo da queste conoscenze di base hanno ipotizzato una possibile responsabilità di tali cellule adipose nella comparsa del cancro al seno, ma non solo, perché ad avere un ruolo nello sviluppo e nella diffusione del cancro al seno ci sarebbe anche l’eccessiva produzione di proteine. È chiaro che se l’ipotesi fosse avvalorata da altri studi ci troveremmo dinanzi ad una scoperta assai importante per la prevenzione del cancro al seno nelle persone affette da obesità. Gli studiosi dopo questi primi riscontri hanno quindi dichiarato: “I nostri risultati dimostrano come gli adipociti partecipino attivamente alla progressione del cancro al seno, orchestrata da cellule tumorali”, questo significa che nelle donne affette da obesità non solo vi è maggior rischio di cancro al seno ma anche un aumentato rischio della sua aggressività.

Articolo creato 71

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto