Il colesterolo nelle analisi chimico-cliniche

Nella valutazione delle analisi chimico-cliniche dobbiamo sempre valutare, oltre la colesterolemia totale, anche i valori  del colesterolo HDL o “buono” e del colesterolo LDL o “cattivo” ed il rapporto tra questi. Il colesterolo LDL quando è presente in quantità eccessiva si ossida e per una serie di processi si lega alle pareti delle arterie formando le placche aterosclerotiche, molto pericolose per la salute, in quanto ostacola la circolazione. Per cui, un elevato livello di colesterolo LDL aumenta il rischio di infarto ed ictus e per questo è detto colesterolo cattivo. Il colesterolo HDL, invece, nel suo […]

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto