Nutrizionista Cosenza - D.ssa Chiara Palermo

La tiroidite di Hashimoto

La tiroidite di Hashimoto o tiroidite cronica autoimmune, fu descritta per la prima volta dal Dr. Hashimoto H. E’ tra le più comuni e frequenti patologie tiroidee, la prima causa di ipotiroidismo primario, specie nelle aree geografiche ad elevato apporto iodico, con una prevalenza del 5-20% nelle donne e del 1-5% negli uomini. La prevalenza aumenta nell’età avanzata.
La tiroidite di Hashimoto è una malattia organo-specifica, a patogenesi autoimmune, caratterizzata morfologicamente da una cronica infiltrazione linfocitaria e da frequente evoluzione verso l’ipotiroidismo. La positività degli autoanticorpi circolanti, anti-tireoperossidasi (anti-TPO) e anti-tireoglobulina (anti-Tg), sottende la patogenesi autoimmune.

La definizione generale di tiroidite cronica autoimmune comprende le seguenti varianti morfologiche e cliniche:

    • tiroidite di Hashimoto propriamente detta, caratterizzata da gozzo diffuso con o senza ipotiroidismo;
    • tiroidite autoimmune asintomatica ad impronta atrofica, definita dalla positività autoanticorpale, in assenza di gozzo o di ipotiroidismo;
    • mixedema idiopatico, che si manifesta con ipotiroidismo conclamato, in assenza di gozzo, con anticorpi spesso negativi.

La tiroidite di Hashimoto provoca un calo della produzione di ormoni tiroidei, con ricadute a cascata su tutti gli organi del corpo.

I sintomi di gran lunga più frequenti della tiroidite di Hashimoto sono proprio quelli associati alla ipofunzione della tiroide:

  • stanchezza, spossatezza fisica generale
  • mancanza di concentrazione, mancanza di memoria
  • frequenza cardiaca al di sotto di 70 pulsazioni
  • cardiopalmo
  • umore depresso
  • capelli secchi
  • caduta dei capelli
  • pelle pastosa e secca, (mixedema)
  • stipsi
  • intolleranza al freddo
  • aumento di peso
  • nelle donne, disturbi del ciclo mestruale
  • diminuzione del desiderio sessuale
  • riduzione dell’udito
  • espressione facciale apatica
  • cambiamento della personalità
  • ipercolesterolemia
  • gonfiore delle braccia, delle gambe, dell’addome e del viso.

Un’alimentazione antinfiammatoria è un modo semplice di aiutare la tiroide a tavola. Compaiono allora sintomi come stanchezza, debolezza, mancanza di concentrazione, cali di memoria, sonnolenza diurna, ipersonnia (il bisogno di dormire più ore del normale), freddolosità, depressione, irritabilità, secchezza della pelle, caduta dei capelli, stitichezza, dolori muscoloscheletrici, calo del desiderio sessuale, alterazioni del ciclo mestruale, ingrassamento (perché il metabolismo rallenta e il corpo brucia meno calorie). Nella maggior parte dei casi, la tiroidite di Hashimoto porta a una tiroide cronicamente ipoattiva e al bisogno di assumere a vita un ormone sostitutivo sintetico, la levotiroxina (contenuto in farmaci come Eutirox). Nella tiroidite di Hashimoto una dieta che diminuisca i livelli di infiammazione può aiutare. Ecco allora una serie di suggerimenti alimentari che vanno in questa direzione.

Cibi da tenere in particolare considerazione:

pesce grasso (salmone pescato, sgombro, sardina ecc.), ricco di acidi grassi      essenziali omega 3.

olio extra vergine di oliva per il suo interessante contenuto di grassi monoinsaturi. Da usare a crudo, come unico condimento grasso, al posto di burro, margarina e oli di semi vari

frutta fresca, in gran quantità e da agricoltura biologica

verdura biologica, almeno una porzione a pranzo e una a cena. Due sono anche meglio

curcuma, una spezia dalle proprietà salutistiche meravigliose e dagli effetti antinfiammatori. Da spolverizzare abitualmente sulle pietanze

zenzero, un’altra spezia ad attività antinfiammatoria comprovata da studi scientifici.
Inoltre è bene introdurre le seguenti modifiche:

sostituire i cereali raffinati con quelli integrali

tagliare drasticamente o meglio ancora eliminare completamente lo zucchero e ciò che lo contiene (dolci di ogni genere, bibite industriali ecc.)

alternare proteine animali con proteine vegetali (legumi, frutta in guscio), un pasto le une, il pasto successivo le altre

limitare i grassi saturi ed eliminare quelli idrogenati e parzialmente idrogenati (grassi   trans), che si trovano in prodotti da forno industriali dolci e salati (biscotti, merendine, fette biscottate, cracker, grissini ecc.), patatine fritte, noccioline tostate.

 

32 thoughts on “La tiroidite di Hashimoto

    1. Salve Amalia,
      ti sconsiglio di utilizzare lo zucchero di canna ma di dolcificare con altri prodotti come lo sciroppo d’acero o il miele. In ogni caso anche la scelta del dolcificante va valutato dopo aver visionato le analisi cliniche. Se vuole può inviarmele privatamente per via email o più rapidamente anche utilizzando il cellulare (whatapp).
      dott.ssa Chiara Palermo

      1. Salve dottoressa io soffro di tiroidite d hashimoto sono sotto cura con ritiro da 100 tutti i giorni …ma da un po di tempo a questa parte mi ritrovo il gozzo più grande del normale con difficoltà a deglutire ..premetto che da un mesetto sto mangiando cavoli due tre pasti settimanali ..solo da poco mi è stato detto che per il mio problema non vanno bene …grazie in anticipo per un evventuale consiglio ..Maria Carla

  1. ho un accumulo di grasso braccia addome che non riesco a far sparire esistono diete specifiche per risolvere questo problema che mi porta molto disagio avendo gambe molto magre..

    1. Salve Rosaria
      solitamente l’accumulo di grasso localizzato sulle braccia è dovuto all’attività degli ormoni femminili mentre l’accumulo di grasso addominale è legato all’attività dell’insulina (ormone pancreatico). In entrambi i casi, grazie al corretto abbinamento dei cibi (nutrienti) si riesce, nell’immediatezza a regolarizzare l’attività insulinica e con un pò più tempo anche quella degli ormoni femminili, riuscendo quindi ad apportare un dimagrimento localizzato.
      Dott.ssa Chiara Palermo

      1. Salve dottoressa io soffro di tiroidite d hashimoto sono sotto cura con ritiro da 100 tutti i giorni …ma da un po di tempo a questa parte mi ritrovo il gozzo più grande del normale con difficoltà a deglutire ..premetto che da un mesetto sto mangiando cavoli due tre pasti settimanali ..solo da poco mi è stato detto che per il mio problema non vanno bene …grazie in anticipo per un evventuale consiglio ..Maria Carla

  2. Dottoressa buonasera Volevo chiedervi una informazione siccome mi hanno diagnosticato la tiroide di Hashimoto con ipotioeirismo e da 20novembre a fino ad oggi 15 Gennaio ho messo circa 7kg sto seguendo la cura che mi ha consigliato il medico con una fiala di tirosint 25microgrammi/1ml da lunedì al venerdì e il sabato e la domenica doppia cosa posso fare per scendere di peso ?

    1. Salve MariaRosaria
      Se vuole può contattarmi in privato per email o cellulare. E se vuole sempre mezzo email può inviarmi i valori ematici.

  3. Dottoressa io ho una tiroide si hascimoto, inoltre insulina bassa e glicemia bassa , ultimamente ho seri problemi a perdere peso come posso fare ???

  4. Buona sera Dottoressa, sono Laura di 41 anni e Le scrivo da Bologna da 11 anni prendo eutirox xchè affetta da tiroide di Hashimoto… Sono sempre stata intorno ai 77 kg ma da circa 2 anni avevo perso 15kg perché onestamente mangiavo molto poco a causa di eventi particolari nella mia vita e il dosaggio dell’eutirox mi era stato modificato (da 100 x 5 gg e weekend a 75, ero passata a 3gg da 75). Da febbraio scorso sono sotto cura psichiatrica con xanax da 50 2 volte al giorno e da settembre anche Zoloft (anche se la mia psichiatra vorrebbe elimarmelo) il problema ora è che da quando 15gg fa ho finalmente lasciato un lavoro molto stressante dopo 21 anni, evidentemente il mio fisico è andato in tilt e non dormo più, di giorno sono uno straccio, se non mi segno le cose spesso me le dimentico, sono aumentata di almeno 6kg in 1 mese e facendo gli esami x la tiroide il tsh è aumentato mentre ft4 è ok e ferro basso (non mangio carne e non mi piacciono i legumi) Ora il mio medico curante mi ha riportato l’eutirox 100 su 5gg e 75 nei weekend mentre la psichiatra quando le ho parlato dell’insonnia nonostante la stanchezza evidente, mi ha dato da provare la sera insieme a xanax e mezzo Zoloft, x 4/5 un farmaco ZOLPIDEM RATIOPHARM da 10mg che effettivamente ieri sera mi ha fatto crollare ma ho letto che va preso x brevi periodi! Ora le ho scritto questo papiro xchè purtroppo a Bologna non ho dei riferimenti Seri a cui rivolgermi sia x l’endocrinologia sia x l’aspetto alimentare xchè ASSOLUTAMENTE devo perdere questi 6kg (faccio almeno 4km a piedi al gg con il mio cane e 2 corsi di ballo la settimana) e devo risolvere la questione Sonnolenza e insonnia xchè altrimenti non ho le forze per cercare serenamente un nuovo lavoro! Grazie per qualunque consiglio potrà darmi. Saluti Laura

    1. salve Laura
      ho letto con attenzione il tuo messaggio
      hai fatto il dosaggio della vitamina D ? per aiutarti dobbiamo sentirci telefonicamente anche tramite whatsapp
      in ogni caso ti chiedo di inviarmi le analisi cliniche e di fare il dosaggio di vitamina D, calcio e fosforo se non li avessi fatti.
      ti aspetto sul cellulare e vedrai che insieme raggiungeremo l’obiettivo perdita di peso e non solo.
      a presto dott.ssa Chiara Palermo

  5. Buonasera dottoressa , da poco mi hanno diagnosticato la diroide di hascimoto . Da settembre ad oggi ho preso 6 kg e un aumento ritenzione nelle cosce e sui fianchi , vorrei perdere peso come posso fare ? Grazie

    1. Salve Roberta
      per aiutarti devo valutare le tue analisi cliniche, quindi ti invito a contattarmi tramite email o whatsapp per una comunicazione più semplice che ci permetta anche l invio di file
      potrei inviarti una scheda da compilare
      ti aspetto sul cel 3275962204 o su email dottchiarapalermo@gmail.com
      a presto dott.ssa Chiara Palermo

      1. Gentile dott. Potrei inviarLe per whatsup le mie analisi e la mia dieta per chiederLe un consiglio? Ho la tiroidite di Hashimoto che non mi ha distrutto la vita. Grazie

  6. Buonasera mi chiamo Anna ho45 da 3 anni ho scoperto di avere la tiroide di hascimoto prendo il tirosint da 75 per 4 giorni e da 50 altri 3 giorni. Ero scesa di peso ora ho rimesso 3/4 chili in più ho il colesterolo a 250 e emoglobina a 10.5..E ora soffrò di intestino con spesso cistite non so se potrebbe essere collegato il mio medico dice di no.Vorrei un vostro parere e cosa mangiare Grazie tante

  7. Buongiorno Dottoressa,
    trovo la sua pagina molto interessante e non ve ne sono molte sul web! Grazie! Io ho un ipotiroidismo autoimmune arrivato con la mia prima gravidanza.
    Io non riesco a capire se è concesso assumere cerali integrali o se invece vanno eliminati del tutto. Per capirci, il pane integrale va bene??Attualmente sto usando dei cracker integrali a base di segale. Vanno bene come companatico oppure no? Esiste un libro di ricette consigliate per questa patologia? Grazie in anticipo

    1. CIAO ARIANNA
      SCONSIGLIO IL PANE INTEGRALE E ANCORA DI PIù PRODOTTI CONFEZIONATI COME CRACKER. TI CONSIGLIO DI CONSUMARE PANE DI GRANO DURO.

  8. Buongiorno dottoressa, soffro di ipotiroidismo e prendo 75e50mg a giorni alterni di Eutirox. Il mio peso nn riesco a farlo scendere sotto i 68kg ed in più nn ho il mio flusso mestruale da agosto, so di avere ovaie policistiche e la ginecologa mi ha consigliato di fare uso della pillola ma…..ne sono contraria, le ovaie policistiche sono anche predisposizioni di eventuale diabete, che x ora fortunatamente nn ho, ma in compenso ho problemi alla colonna vertebrale, discopatia,ernia,protruriose e cervicale. Ho le cosce che si strofinano e nn riesco a farle tornare come un tempo, le vene che incominciano a venire in fuori, i muscoli sotto le braccia flosci e la pancia che sembro in cinta di 4mesi ( sn anche un po’ stitica!) Può consigliarmi in merito gentilmente? Grazie Claudia

  9. Buongiorno Dott.sa
    Sono Katia ho 45 anni e x due anni ho tenuto a bada il mio ipertiroidismo con il tapazole. I nuovi esami hanno riscontrato un ipotiroidismo. Il mio dott.re mi ha fatto sospendere il trattamento e mi sono sottoposta a nuovi controlli. Ho curato e cambiato completamente alimentazione. I miei valori sono migliorati, l’ecografia non ha riscontrato noduli,la tiroide è di dimensioni normali l’esame degli anti tireoperossidasi è superiore di 1300,0..
    Una volta riscontrata la tiroide di hashimoto e fortunatamente non mi è stato consigliato nessun trattamento, ho un dubbio.. quanto può influenzare il posto dove si vive? Ho vissuto 20 anni al mare e solo dopo essermi trasferita in Lombardia ho iniziato ad avere i primi sintomi..
    A breve mi dovrò trasferire in Piemonte per lavoro, (altezza 1500.). l’altitudine può crearmi problemi?
    La ringrazio.

  10. Ho anticorpi antitiroidei e sintomi che potrebbero essere dovuti a Tiroidite da Hashimoto.
    Non capisco se sia il caso di rivolgermi solo al medico o sarebbe meglio sentire un ‘endocrinologo.

  11. Salve dottoressa anche io ho l hashimoto da poco, con disturbi alle ossa ,perdita di memoria, e sono diventato super scontroso. Vivo in Germania e il dottore mi ha detto che per ora la tiroide funziona bene e che dobbiamo aspettare perche tanto non ci sono rimedi.. ho letto tantissimi blog e piu leggo piu mi confondo ad esempio lei sconsiglia il pane integrale e invece altri blog lo consigliano
    Chi scrive di non mangiare frutta per via del fruttosio e chi scrive di mangiarne tanta e cosi con la carne e cereali. L unica cosa che tutti sono d accordo e di manciare tantissimo pesce. Io personalmente sto evitando carne, vino, broccoli, frutta, glutine (pane ecc), tutti i tipi di latticini, bevo solo acqua, mangio: pane e pasta integrale, verdure, faccio sport.
    Devo ammettere che questo cambiamento alimentare mi sta facendo cadere un po depresso perche ho sempre amato manciare. La mia domanda è? Ma devo continuare cosi per tutta la vita? posso mangiare anche qualche volta carne rossa ? E la frutta si o no?
    Spero di essermi espresso bene vivo in Germania e il mio italiano non e perfetto.
    Grazie.

    1. Salve
      Con l alimentazione potrà migliorare le sintomatologie legate alla tiroide ma la stessa quando equilibrata sarà utile anche nel migliorarle l umore
      Se vuole sarò lieta di poterle dare una mano
      Mi contatti su WhatsApp dove possiamo comunicare più facilmente anche con l invio di foto e si file
      3275962204

  12. Buongiorno Dottoressa, sono affetta da hashimoto da 10 anni tenuto sotto controllo sistematicamente. La mia domanda è molto semplice e riguarda l’alimentazione, cosa che seguo con particolare attenzione per evitare sintomatologie fastidiose, soprattutto infiammazione alle articolazioni e aumento di peso. Amo e consumo molta verdura cotta e cruda. Cavoli e broccoli, verdura prettamente di questo periodo invernale, vanno bene o no? Leggo pareri contrastanti. Se potesse consigliarmi gliene sarei grata.

  13. Salve dottoressa io soffro di tiroidite d hashimoto sono sotto cura con ritiro da 100 tutti i giorni …ma da un po di tempo a questa parte mi ritrovo il gozzo più grande del normale con difficoltà a deglutire ..premetto che da un mesetto sto mangiando cavoli due tre pasti settimanali ..solo da poco mi è stato detto che per il mio problema non vanno bene …grazie in anticipo per un evventuale consiglio ..Maria Carla

    1. Salve Maria Carla
      L alimentazione può avere un importante influenza nel moderare la patologia tiroidea e l l’attività dell asse ipotalamo ipofisi tiroide. Mentre alcuni ortaggi, come lei stessa mi scrive, influenzano processi infiammatori e diminuiscono l.attivita della ghiandola tiroidea. Gli ortaggi sono broccoli, verza, cavoli, rape, cavolfiori.
      Se vuole può contattarmi al cellulare 3275962204 per avere informazioni e valutare un percorso insieme e l.elaborazione di un piano alimentare personalizzato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *